FacebookTwitter
Stampa
PDF

Il calendario procede spedito

Il calendario procede spedito

Ecco i risultati del weekend per i vari tornei professionistici.

 

 

Matteo Manassero si è classificato 29° con 283 colpi (73 67 71 72, +3) - dopo una lunga rimonta iniziata dal 117° posto del primo giro - nell’Honda Classic, torneo del PGA Tour disputato al PGA National Champion Course (par 70) di Palm Beach Gardens, in Florida.
Inatteso vincitore Michael Thompson (271 - 67 65 70 69, -9), 28enne di Tucson in Arizona, che ha centrato il primo successo al terzo anno di circuito dopo i primi due trascorsi praticamente nell’anonimato. Ha preceduto di due colpi l’australiano Geoff Ogilvy (273, -7), uscito da un lungo periodo piuttosto grigio, e di quattro Luke Guthrie (275, -5) che in vetta nei primi due turni aveva iniziato da leader anche il terzo alla pari con Thompson.
Sono mancati alle attese nella fase conclusiva Keegan Bradley e l’inglese Justin Rose, quarti con 277 (-3), insieme a Lucas Glover, a Erik Compton e all’inglese David Lynn, e soprattutto l’altro inglese Lee Westwood, terzo con due colpi di ritardo dai leader dopo 54 buche e nono al traguardo con 278 (-2) affiancato dal sudafricano Charl Schwartzel, dal nordirlandese Graeme McDowell e dal canadese Graham DeLaet. Molto alterno Tiger Woods, 37° con 284 (70 70 70 74, +4), che ha commesso numerosi errori lungo tutta la gara. Mai in corsa il sudafricano Ernie Els, 46° con 286 (+6), e il tedesco Martin Kaymer, 51° con 287 (+7).
Matteo Delpodio  si è classificato al 48° posto con 280 colpi (71 68 70 71, -8) nello Tshwane Open, torneo dell’European Tour organizzato in collaborazione con il Sunshine Tour e disputato sul percorso del Copperleaf Golf & Country Estate (par 72), a Centurion in Sudafrica.
Ha ottenuto a sorpresa il primo titolo nel circuito e in carriera con 267 colpi (68 65 67 67, -21) il 30enne sudafricano Dawie Van der Walt, che nel giro finale ha avuto ragione dei connazionali Darren Fichardt (269, -19) e Louis De Jager (270, -18). Al quarto posto con 271 (-17) lo statunitense Peter Uihlein, vincitore da dilettante dell’US Amateur (2010) e giocatore in sicura crescita, al quinto con 272 (-16) l’inglese Danny Willett, lo svedese Bjorn Akesson e il sudafricano Charl Coetzee, in vetta dopo tre giri insieme al vincitore, a Fichardt e al cileno Mark Tullo, terminato 27° con 277 (-11) e crollato con un 77 (+5).
Fichardt, che era il favorito e veniva da un successo nell’Africa Open, è partito molto forte con tre birdie in quattro buche poi si è fermato e ha proseguito in par fino al termine per un parziale di 69 (-3) insufficiente per contrare Van der Walt che è andato in vantaggio con un eagle e due birdie nella prima metà del tracciato e poi si è messo al sicuro con altri due birdie, anche a dispetto di un bogey (67, -5). Per lui, che ha svolto fino ad ora attività nel Sunshine Tour e nel Web.com Tour, il secondo circuito statunitense, un assegno di 237.750 euro su un montepremi di 1.500.000 euro.
Delpodio, che ha effettuato quattro turni sotto par, ha finito con un 71 (-1) nato da quattro birdie e tre bogey. E’ uscito dopo 36 buche Edoardo Molinari, 78° con 143 (72 71) e out per un colpo, al quarto taglio consecutivo in stagione.
Andrea Maestroni (nella foto) si è classificato al terzo posto con 210 colpi (73 69 68, -6) e Andrea Rota al quinto con 211 (66 71 74, -5) nel Red Sea Ain Bay Open, gara inaugurale dell’Alps Tour disputata sul percorso del Sokhna Golf Club, al Red Sea Resort sul Mar Rosso in Egitto. Ha vinto l’inglese Andrew Cooley (209 - 69 69 71, -7) che ha superato alla quinta buca di spareggio lo scozzese Michael Stewart (209 - 67 76 66) con il quale aveva concluso alla pari la gara dopo le 54 regolamentari.
Rota, che era rimasto al comando nei primi due giri, ha perso tre colpi in partenza cedendo con un 74 (+2) e ha condiviso la posizione con l’inglese Phillip Kelly e con lo spagnolo Fernando Adarraga. Settimo con 212 (-4) il francese Edouard España, ottavi con 213 (-3) l’inglese Steven Brown e il francese Julien Foret. Degli altri italiani in campo, l’esordio di Lorenzo Guanti si è risolto con un buon 17° posto con 216 (68 74 74, par) ottenuto anche da Leonardo Motta (69 72 75), al 27° con 219 (+3) Joon Kim (74 72 73) e Lorenzo Scotto (71 75 73), al 29° con 220 (+4) Mattia Miloro (73 74 73), al 32° con 221 (+5) Giacomo Tonelli (73 74 74), e al 39° con 224 (+8)  Luca Fenoglio (73 75 76).
Non hanno superato il taglio Luca D’Andreamatteo, 42° con 149 (+5), Nino Bertasio e Francesco Gatti, 52° con 152 (+8), Cristiano Terragni, 64° con 157 (+13), Andrea Bolognesi e Alberto Campanile, 67° con 159 (+15), Nunzio Lombardi, 70° con 161 (+17). E’ stato squalificato Umberto Cuomo. Il vincitore ha percepito un assegno di 5.000 euro su un montepremi di 30.000 euro.

Read more http://bit.ly/WG6joH

Tornei

video

Gallery

video

Video

video
min : -5
max: 21
min : -5
max: 19